La Certosa Di Firenze

La Certosa di Firenze monaci cistercensi di Casamari via bocca di Certosa 2-località Galluzzo Firenze telefono 055-2049226 Con l'autostrada A1 si esce al casello di Firenze Certosa. Si continua in direzione del centro di Firenze. Dopo 1 km si trova la Certosa. In treno si scende alla stazione e si accede in taxi o con il bus numero 37 da piazza Santa Maria Novella. Visita guidata tutti i giorni dalle 9.00 alle 12 e dalle 15 alle 18. Costruzione imponente, posta sulla sommità del colle del Galluzzo, fu eretta da Nicolò Acciaiuoli (1341), gran siniscalco del regno di Napoli e viceré di Puglia, che l'affidò ai Certosini. Nei secoli successivi di lavoro vi furono insigni artisti che l'ampliarono e l'abbellirono. I Certosini vi rimasero fino al 1957 quando la Chiesa passò ai Cistercensi. Il Palazzo Acciaiuoli ha eleganti architetture trecentesche. Qui si trova la pinacoteca con opere del Pontorno, Beato Angelico, Sebastiano Ricci ed altri maestri toscani. La Chiesa monastica di San Lorenzo, dalla composta armonia dei colonnati ciechi, può essere divisa in due parti, secondo l'uso certosino, con il prezioso coro dei monaci del 16º secolo. Nella cripta vi è il sepolcreto degli Acciaiuoli. Il colloquio dei monaci, con affreschi è luogo di riunione dei Certosini. Nella foresteria antica soggiornarono papi e personaggi illustri. Le Sante Messe vengono celebrate nei giorni festivi alle 10-11 cantate in gregoriana quella della prima domenica del mese. Triduo Pasquale e veglia pasquale in gregoriano. Messa di mezzanotte a Natale. Si festeggia San Lorenzo patrono della Certosa il 10 agosto e assunta patrona dell'ordine il 15 agosto. Produzione di miele dell'apiario, creme, marmellate, liquori del laboratorio distilleria, profumi. La farmacia è aperta tutto l'anno dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15 alle 18.