Monasteri Abbazie Conventi Santuari

In questa sezione del portale www.vaticanoweb.com abbiamo raccolto i vari Monasteri, Abbazie e Conventi, distribuiti su tutto il territorio Nazionale. Per ognuno di questi complessi, abbiamo cercato di descriverne la storia, la posizione, le antiche raccolte possedute, i nomi famosi che hanno contribuito a fare la storia dell'Italia e che hanno lasciato in alcuni di questi luoghi un segno del loro passaggio. L'Italia è certamente un Paese che con la sua storia e con i suoi personaggi famosi in tutto il mondo, ha contribuito negli anni e contribuisce ancora oggi a farsi conoscere come un Paese da visitare almeno una volta nella propria vita. Tantissimi visitatori ogni anno visitano le nostre città piene di cultura, da parte nostra noi di www.vaticanoweb.com cerchiamo di fare conoscere a chi non ha mai avuto l'occasione, queste incantevoli strutture dei secoli passati. Per ognuno di questi incantevoli monumenti, abbiamo cercato di indicare il modo per essere raggiunti e dove disponibile abbiamo indicato se si può soggiornare.
Cosa sono i Monasteri, i Santuari, i Conventi e le Abbazie?
Il Monastero è una struttura dove vive una comunità di monaci o monache, sotto l'autorità di un abate o di una badessa, sono autosufficenti economicamente, vivono in questi luoghi una vita di preghiera e di lavoro. I Monasteri seguono alcuni ordini tra i quali: Ordine cistercense, Ordine di San Paolo, Ordine di San Benedetto, Ordine certosino, Ordine di San Girolamo, Ordine mechitarista.
Con il nome Ordine Francescano, si intende quello dei Frati Minori il cosidetto "Primo Ordine" fondato da San Francesco d'Assisi nel 1209.
L'Abbazia è un complesso abbaziale composto da vari edifici che se rientrano sotto il suo controllo sono considerati come una comunità religiosa che per il diritto canonico è un ente autonomo. I Conventi invece, sono sempre una comunità religiosa ma la sua funzione primaria è quella di ospitare solo persone se maschile presbiteri o frati laici, se femminile solo suore, la comunità segue l'ordine mendicante.