Eremo Di Santo Alberto Di Butrio

Eremo di Santa Alberto di Butrio fratelli eremiti di Don Orione località pizzocorno ponte Nizza Pavia telefono 0383. 59393. Nel 1035 il venerabile Alberto, nobile pavese di ricca famiglia, scelse questo luogo impervio (687 m.), immerso nei boschi di castagni e che ammantano i rilievi dell'appennino vogherese, come rifugio di solitudine e meditazione. Dopo la sua morte (1073), l'originale nucleo monastico divenne un'Abbazia ricca e potente, soppressa nel 1810. All'inizio di questo secolo Don Luigi Orione (fondatore della piccola opera della divina provvidenza) raccolse l'eredità di Sant'Alberto. Dal 1920 vi risiedono alcuni eremiti che hanno restaurato ciò che il tempo aveva distrutto. Il complesso Abbaziale è dominato da una torre di guardia che sovrasta la Chiesa primitiva e le altre due, costruite in tempi diversi e comunicanti fra loro, dall'armoniosa linearità del romanico lombardo con già segni del primo gotico. In quella dedicata a Sant'Antonio si ammira il singolare ciclo di affreschi sulla via di Sant'Alberto, opera di anonimi artisti locali, di grande valore tecnico (1484). Qui sono conservate le reliquie del Santo eremita insieme alla sua statua di cera. Le Sante Messe sono celebrate nei giorni feriali alle 7.00 e nei giorni festivi alle ore 10.30 il rosario alle 15.00. Il martedì e il giovedì adorazione ad dalle 18.00 in poi. La giornata inizia alle 6.00 con le labili e termina alle 21.00 con la compieta. Festeggiamenti in ricordo di frate Ave Maria, primo eremita di questo secolo, e dal 1920 visse vent'anni in romitaggio, lo si ricorda ogni terza domenica di maggio; in onore del patrono Sant'Alberto la prima domenica di settembre. Dal 1983 l'Eremo, che è anche parrocchia, è divenuto sede di un centro di spiritualità: 15 camere, sala convegni, cucina, refettorio. Per arrivare all'Eremo di Sant'Alberto di Muzio attraverso l'autostrada A21 si esce al casello di Voghera o a Casteggio. Si prosegue in direzione di varzi lungo la statale numero 461. Giunti a ponte Nizza si gira a sinistra per Pizzocorno, ultimo centro abitato prima dell'Eremo (35 km). In treno si scende alla stazione di Voghera e si contiene in taxi o con l'autobus locale fino a Pizzocorno e poi a piedi per circa 6 km. La struttura si può visitare tutti i giorni dalle 8.00 alle 12 e dalle 15.00 alle 18, avendo cura di rispettare gli orari delle funzioni religiose.