Lidi

Distesa in lidi estranei
l’anima mia gioca
là, in oscuri meandri,
avvolta in una pace esaltante,
che però abbraccia
la tristezza.
Trema sul suo trono,
trono, che sudditi non ha
e cade in dorati labirinti.
Ma Dio si fa presente,
di luce avanti
ne ha una scia,
non povera è ora
l’anima mia,
si stende con me
sul mio misero giaciglio
e, mi nutre
mentre tutto tace.



Oggi è Lunedi' 17 Dicembre 2018
- S. Olimpia vedova -




Scegli una nuova pagina a caso:





Metti un link sul tuo sito web di questa pagina: