Inno a Gesù Bambino

Tu scendi dalle stelle,

o Re del Cielo

e vieni in una grotta al freddo, al gelo.

O bambino mio divino

io ti vedo qui tremar:

o Dio beato!

Ah quanto ti costò l'avermi amato!

A te che sei del mondo il Creatore,

mancano panni e fuoco, o mio Signore:

Caro eletto pargoletto,

quanto questa povertà più m'innamora,

giacchè ti fece amor povero ancora.

Tu lasci del tuo Padre

il divin seno per venir a penar su poco fieno,

dolce amore del mio cuore,

dove amor ti trasportò?

O Gesù mio perchè tanto patir?

Per amor mio!

Ma se fu tuo volere il tuo patire

perchè vuoi piangere poi, perchè vagire?

Sposo mio,

amato Dio,

mio Gesù, t'intendo, si; ah, mio Signore!

Tu piangi non per duol, ma per amore.

Tu piangi per vederti da me ingrato,

dopo sì grande amor, si poco amato.

O diletto del mio petto

se già un tempo fu così,

or te sol bramo Caro non pianger più,

ch'io t'amo io t'amo.

Tu dormi, o Gesù mio,

ma intanto il cuore non dorme,

no, ma veglia a tutte l'ore: Deh!

Mio bello e puro agnello a che pensi dimmi tu?

O amor immenso a morir per te,

rispondi, io penso.

Dunque a morir per me tu pensi, o Dio;

e che altro, fuor di te, amor poss'io?

O Maria speranza mia: Se poc'amo il tuo Gesù

non ti sdegnare amalo tu per me,

s'io nol so amare.

Inno a Gesù Bambino
Condividi Inno a Gesù Bambino